DONA IL 5 PER MILLE ALL'AIL

 

Il 5x1000 non è una tassa in più, ma una quota di imposte a cui lo stato rinuncia a favore delle organizzazioni non profit. Il tuo 5x1000 non sostituisce né l’8x1000 né il 2x1000 e, se non destinato, è trattenuto dallo Stato. 

 

 

COME IMPIEGHIAMO IL 5 PER 1000

Dal 2006 ad oggi, 2 milioni di italiani hanno scelto di destinare il loro 5x1000 ad AIL.
Secondo l’ultima rendicontazione al "Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca" e al “Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”, nel 2018 i fondi impiegati a sostegno della ricerca e dei servizi di cura e assistenza ai pazienti e alle loro famiglie, sono stati 5.810.958,00 €.

Per maggiori dettagli su come impieghiamo il 5x1000 potete visitare la pagina AIL nazionale al seguente link: https://cinquepermille.ail.it/

 

 

 

SE NON PRESENTI LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PUOI UGUALMENTE DONARE IL 5X1000

Compila e firma la scheda fornita insieme alla CU dal tuo datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, inseriscila in una busta chiusa con scritto “Destinazione cinque per mille IRPEF” indicando il tuo nome, cognome e codice fiscale e consegnala all'ufficio postale, al CAF o al tuo commercialista.

 


 

50 ANNI di AIL!

 

969-2019  50 ANNI DI IMPEGNO AL FIANCO DEI MALATI, CONTRO I TUMORI DEL SANGUE

 

Nel 1969 avere un tumore del sangue significava, in moltissimi casi, non avere un futuro. Oggi un paziente non solo può pensare ad un domani libero dalla malattia, ma può tornare a sognare una vita il più possibile normale. AIL da 50 anni si impegna per aiutare i pazienti ematologici a realizzare i loro sogni, finanziando la ricerca scientifica, sostenendo i reparti di Ematologia, permettendo ai pazienti di essere curati a domicilio o di essere ospitati gratuitamente nelle Case Alloggio durante il percorso di terapia.

Con 81 sezioni provinciali autonome, l’Associazione lavora ogni giorno al fianco di mediciricercatori ed infermieri per garantire a tutti i pazienti le terapie più efficaci e l’assistenza necessaria per affrontare al meglio il lungo percorso della malattia. 50 anni di storia e il lavoro insostituibile di 20mila volontari hanno permesso all’AIL di diventare un punto di riferimento fondamentale per migliaia di malati e per le loro famiglie in tutta Italia.

E' possibile scaricare a questo link la brochure istituzionale che racconta l’impegno dell’Associazione, dalla costituzione ad oggi, al fianco dei malati, contro i tumori del sangue.

Il documento sintetizza con immagini e numeri la nostra attività, il percorso che l’ha resa un punto di riferimento nell’ematologia in Italia e i principali eventi in programma per celebrare questa importante ricorrenza.

 

 

Potete visitare il sito web dedicato ai 50 anni AIL al seguente link: https://cinquantanni.ail.it/index.php

 

 


 

Ciao Professore!

 

Addio al nostro Presidente Professor Franco Mandelli, una vita dedicata alle malattie del sangue e alla solidarietà.

Un uomo straordinario che ha insegnato a tutti noi cosa significa avere un obiettivo e lottare per perseguirlo. Il suo è sempre stato uno dei più difficili, ma oggi, se molti dei tumori del sangue che fino a poco tempo fa erano letali e ora possono essere curati e in certi casi guariti, è il frutto della tenacia di un piccolo, grande, immenso uomo.

L’AIL di Frosinone "Ireneo Ottaviani" si unisce al dolore della famiglia Mandelli.

 

Ciao Professore...

 

 

"Ho visto uomini,donne, ragazzi ritrovare la voglia e la forza di lottare contro la loro maledetta malattia con tenacia e anche un po' di testardaggine.
In fondo è quello che ho fatto io per tutta la vita."

(Prof. Franco Mandelli)